Una storia per rompere il ghiaccio

red muffler

“Tata cosa stai facendo?”

Abbaia Pepe incuriosito.

Una calda Sciarpa Rossa.

“Mmm… per chi?”

Domanda serio.

“Ancora non lo so ma qualcuno potrebbe averne bisogno.”

Rispondo continuando a  fare la maglia.

“Bisogna tenere gli occhi aperti…

potremmo non vedere o peggio non capire,

specialmente se si tratta di un pinguino!”

Esclamo.

“Pinguini? Sciarpe?

Ma Tata siamo in Sicilia!”

Abbaia Pepe perplesso.

“Ora ti spiego…”

Gli dico mostrandogli un libro:

una-calda-sciarpa-rossa

Una calda Sciarpa Rossa.

Sen Woo

Sironi Ragazzi, 2013

+ 5 anni

“E’ la storia di un piccolo pinguino

che ha un sogno:

salvare dal gelo delle uova di pinguini abbandonate.”

Esclamo pensando a Teo.

“Da solo?”

Abbaia Pepe ascoltando attento.

“Si, fino a quando Fausto, il cuoco della base Antartide,

non si accorge di lui e…non solo decide di aiutarlo

ma si rende conto per la prima volta,

insieme ai suoi amici,

di un tesoro da custodire e salvare:

il Polo Sud con tutti i suoi abitanti!”

Racconto entusiasta.

foto-1

“Perchè le uova sono state abbandonate?

Sono riusciti a salvarle?”

Abbaia Pepe preoccupato.

“E’ una lunga storia che ti racconterò…

ma l’importante è che tu sappia

che qualche volta

per compiere un miracolo

basta avere un sogno,

condividerlo

e prendersene cura,

con tanta pazienza

e una calda Sciarpa Rossa!

Se volete sapere qualcosa di più su questa piccola storia di speranza

che ne dite di guardare il filmato del “making of ” del libro,

un bellissimo esempio di creatività e collaborazione

e poi, ovviamente, di leggere il libro insieme ai vostri bambini.

Buon anno a tutti! Tata Libro e Pepe

Che forza Nelly Rapp!

Distintivo Agente Antimostri

“Tata mi aiuti a ritagliare il distintivo di Agente Antimostri?”

Abbaia Pepe il mio cagnolone.

“Hai superato l’esame per entrare all’Accademia Antimostri?!?”

Esclamo sbalordita.

“Non proprio…sai per superare l’esame

bisogna avere tanta

curiosità, energia e coraggio!”

Abbaia abbassando le orecchie.

“Capisco.

Allora dove hai trovato questo distintivo?”

Gli domando cercando un paio di forbici.

“Alla fine di questo libro”.

Abbaia mostrandomelo:

nelly-rapp-laccademia-antimostri-9788871069180

L’Accademia Antimostri

Martin Widmark, Christina Alvner

Sonda, 2012

+ 7 anni

“Ma non è sufficiente ritagliare il distintivo!

Qui c’è scritto che hai bisogno di

un codice di identificazione personale da applicare sul tesserino antimostri!”

Gli dico leggendo le istruzioni alla fine della storia.

“Per riceverlo è molto semplice,

dovrai inviare la recensione di due libri della serie

Nelly Rapp. L’Agente Antimostri

a www.sonda.it. “

Gli spiego.

“Fico! Io adoro le storie di Nelly Rapp!

Pensa che non solo è una bambina coraggiosissima

ma è così astuta che è riuscita a superare l’esame

per entrare all’Accademia Antimostri !

E poi sai chi è il suo migliore amico?

London! Un Bassotto simpaticissimo!”

Abbaia Pepe.

nelly rapp002

“E tu come fai a sapere tutte queste cose?”

Gli chiedo.

“Ho letto la sua prima avventura,

dove riesce a sconfiggere

un vampiro assetato di sangue ma così goffo e divertente.

Ora sono proprio curioso di sapere

cosa succederà con I Frankenstein e con I lupi Mannari!!!”

Abbaia Pepe eccitato.

nelly-rapp-i-frankenstein-9788871069197

I Frankenstein

Martin Widmark, Christina Alvner

Sonda, 2012

+ 7 anni

nelly-rapp-i-lupi-mannari-9788871069210

I Lupi Mannari.

Martin Widmark, Christina Alvner

Sonda, 2013

+ 7 anni

Prima di lasciarvi alla lettura di questi piccoli gialli,

avvincenti e divertenti,

vorrei condividere con voi tre piccole curiosità:

1) L’autore Martin Widmark è uno dei più famosi scrittori svedesi per ragazzi

e il più richiesto nelle biblioteche del suo paese.

2) Nelly Rapp è su Facebook e è una mia amica!

3) Tutti  possono giocare con lei, inventando un mostro e creando sempre nuove avventure.

Tutte queste notizie le potete approfondire sul sito

www.sonda.it

Buona lettura Tata Libro, Pepe e Nelly Rapp

Pepe e il fantasmino Berto!

IMG_0667

“Si dorme questa mattina? Eh! “

Esclamo guardando Pepe, ancora mezzo addormentato.

“Lascia stare Tata,

ho avuto una nottataccia!”

Farfuglia Pepe.

“Ma come? Eri così contento.

Halloween qui, Halloween là!”

Dico sconcertata.

“Il problema è che quando è arrivata

MEZZANOTTE

l’ora di andare a spaventare la gente,

mi sono sentito troppo, troppo piccolo

e ho avuto paura!”

Abbaia con un filo di voce.

“Mi ricordi proprio Berto tu!”

Gli dico, cercando un libro sullo scaffale più in alto.

“E chi è Berto adesso?”

Mi chiede  Pepe, felice di sapere di non essere solo!”

IMG_4733

Berto è un piccolo fantasmino a cui fanno paura

le cose che invece piacciono ai fantasmi più grandi:

i castelli, le foreste, i lupi, i serpenti, i draghi

e perfino i cani!

Gli dico aprendo il libro:

Pronti attenti buh

Pronti, attenti, buh!

Elizabeth Baguley, Lindasy Marion,

Gribaudo, 2012

+ 3 anni

“Simpatico questo fantasma!

Mi racconti la sua storia?

Come ha fatto ha superare le sue paure!

E a spaventare le persone?”

Mi domanda Pepe curioso di sapere.

“Ha cercato una casa accogliente da infestare,

una casa carina, una casetta!

E un piccolo re e una piccola regina

da spaventare ogni notte!”

Esclamo coccolandolo!

“Proprio come un fantasma grande!!!

Raccontami la storia Tata!”

Mi supplica Pepe.

“Si si…ma prima salutiamo i nostri amici!”

Buona lettura Tata Libro, Pepe e …Berto!

Che belle “Le parole degli animali” di Kimiko!

Oggi il postino mi ha recapitato un pacco contenente questo libro:

le parole degli animali

Le parole degli animali

Kimiko

Gribaudo, 2013

+ 3 anni

Mi chiedo chi può avermelo mandato,

anche se un piccolo sospetto ce l’ho.

“Pepe ne sai qualcosa tu?”

Chiedo al mio cagnolone che stasera è un po misterioso.

“No io neanche lo sapevo che Kimiko

aveva fatto un libro per imparare le parole

che descrivono le partii degli animali e i loro colori!”

Abbaia senza guardarmi.

“Mmmmhhh…e come fai a sapere tutte queste cose allora?”

Eh si deve essere stato proprio Pepe a farmelo recapitare.

Forse voleva ricordarmi che lui non ha un NASO come un GATTO

ma un bel TARTUFO come il LUPO!

imageimageimage

Comunque sono proprio contenta di averlo ricevuto!

E’ un bel libro cartonato,

con belle pagine colorate e allegrissime illustrazioni.

“Così mentre imparo mi diverto come un bambino!

Vero Pepe?!”

Grido per farmi sentire.

E poi ho un debole per gli animali illustrati da Kimino.

Se piacciono anche a voi o volete conoscerli

non perdetevi tutti i suoi libricini pop up editi da Babalibri,

adatti ai bambini dai due anni in su.

Sarà divertente leggere insieme

le avventure dei piccoli animali

 che alla fine della giornata

si rifugiano sempre

tra le braccia di mamma e papà.

Proprio come qualcuno di mia conoscenza….

Ecco qualche foto per darvi un idea:

IlPanda

Lorso

LaTopolina

IlCaneIlMaialino

Buona notte Tata Libro e Pepe.

Nella foresta c’e una scuola speciale!

foto

“Ma Tata è impossibile!”

Abbaia Pepe.

“Cosa?”

Gli domando continuando a guardare la televisione.

“Che un gufetto vada a scuola!”

“E perché?

Tutti hanno il diritto di andare a scuola.”

Rispondo distratta.

” Uffa non mi stai nemmeno a sentire!”

Mugola Pepe.

“Ma certo!”

Ribatto.

“Allora spiegami come può un gufo

che è un uccello notturno

andare a scuola?

Cascherà dal sonno!”

Abbaia divertito guardando un’illustrazione.

scuola foresta

“Ah!

Un’altra scuola stramba!”

Sorrido guardando il piccolo libro

con le tenere e simpatiche immagini:

La scuola della foresta

La scuola della foresta

Simone Frasca

Mondadori, 2013

+ 3 anni

“Allora spiegami come fa una giraffa

a salire su un pulmino?”

Scherzo io.

“O un pipistrello a stare seduto?”

Aggiungo.

“Ma Tata è solo una storia!”

Abbaia Pepe.

“Quindi mi vuoi dire che nella foresta non si va a scuola?”

Domando seria.

“Si, si ma una scuola speciale

dove c’è posto per tutti.

Ognuno con le sue caratteristiche!”

Risponde Pepe tutto serio.

“Non riesco proprio ad immaginarmela!”

Esclamo.

Che ne dite di indagare meglio

su questa scuola così originale?

Buona lettura Tata Libro

Tutti a scuola…con gatto Sandrino!

Pepe

“Tata quest’anno posso andare a scuola con Sandrino?”

Abbaia Pepe.

“Con chi?”

“Con gatto Sandrino!”

Abbaia mostrandomi il libro:

tutti-a-scuola-scarry

Tutti a scuola!

Richard Scarry

Mondadori, 2007

+ 3 anni

“Non lo so…”

Gli rispondo.

“Mi piacerebbe tanto!”

Abbaia scodinzolando

“Non mi dovrai accompagnare!”

Abbaia per convincermi.

“Sandrino prende lo Scuolabus, sembra divertente!”

foto 1

“Ma lo sai che a scuola bisogna studiare?”

Gli dico per dissuaderlo

“Si lo so, lo so,

ma si può anche dipingere

 e poi c’è sempre la ricreazione!”

Abbaia lanciando una palla.

“E’ proprio quella che mi preoccupa,

chissà che cosa siete capaci di combinare

tu e quel gatto!”

Dico scuotendo la testa.

“Ma Tata c’è la maestra Dolcina a controllarci!”

Abbaia eccitato.

“E poi non voglio perdermi

il racconto di Sandrino

sulle vacanze nella fattoria dello zio.”

Abbaia mostrandomi una foto:

foto 3

“Se è per questo te la leggo subito io,

poi magari più tardi cominciamo ad esercitarsi

con l’alfabeto e le tabelline…”

Gli propongo.

“Tata che ne dici se ora mi leggi la storia

e a scuola ci vado il prossimo anno?”

Abbaia Pepe sedendosi accanto a me,

incantato da tutte quelle illustrazioni.

E voi che aspettate

Gatto Sandrino e i suoi amici

non vedono l’ora di condividere con voi le loro avventure!

Buona lettura Tata Libro

“Un’amica di penna” per Pepe

IMG_4892

“Tata mi aiuti a scrivere una lettera?”

Abbaia Pepe con un foglio di carta tra i denti.

“Una lettera? E chi sarebbe il destinatario?”

“Bambino” sarai tu!

Esclama mostrandomi una foto

pubblicata sul nostro giornalino preferito.

foto (3)

foto (2)

“E chi è questa bella cagnolina?”

Gli chiedo sorridendo.

“E’ Dori…vorrei sapere il suo indirizzo…vorrei diventare un suo amico di penna…”

Abbaia timido.

Amico di penna?”

Dico sbalordita.

Non potresti chiedergli semplicemente l’amicizia su facebook

o scrivergli una e-mail come fanno tutti?”

Gli consiglio.

“Ma Tata….è così impersonale…”

Abbaia piano.

“Io vorrei poter scegliere una bella carta da lettera, magari profumata…”

Abbaia Pepe con lo sguardo sognante.

“E magari vorresti anche il pennino con l’inchiostro?”

Lo prendo un po in giro.

“Tata…potrei esercitarmi con l’italiano e condividere con lei le mie passioni,

i miei pensieri…proprio come Eugenia e Chariza .”

Abbaia per convincermi.

“Chi?”

Dico quasi cadendo dalla sedia.

Sono amici di penna, Lei vive in Italia, lui in Africa, nello Zimbabwe.

Si raccontano di tutto.

Sono i protagonisti di:

cover

Coccodrilli a colazione

Emanuela Nava, Roberto Luciani

Giunti, 2009.

+ 8 anni

“Se la metti così  mi sembra una buona idea,

anch’io da piccola avevo un’amico di penna.

Che emozione ricevere le sue lettere,

aprirle e  leggerle d’un fiato,

era un momento tutto mio.

Era bello sapere che un bambino  in un’altra città

 si prendeva un po di tempo per raccontarmi di se,

delle sue emozioni, insomma per confidarsi con me!”

Gli dico persa nei ricordi.

“Dai, dai vediamo se riusciamo ad avere l’indirizzo di Dori,

non vedo l’ora di leggere le sue lettere!”

Gli dico entusiasta.

“Ma Tata, Dori sarà la mia amica di penna!”

Abbaia eccitato!

Se pensate che sia utile e divertente, per i vostri bambini,

avere un amico di penna,

non vi resta che aiutarlo a cercare qualcuno della sua età,

magari con le sue stesse passioni.

Nel sito del Coordinamento Informagiovani del Piemonte

ho trovato un post sul tema con molti riferimenti utili.

lo condivido volentieri con voi:

http://bancadati.informagiovanipiemonte.it/schede-orientative/schede/1662/scambi-di-corrispondenza

Buonanotte a tutti e non perdetevi la prossima avventura di Pepe.

Bentornati!

foto (1)

Bentornati!

Siete un po spaesati?

Non siete i soli!

A me già manca poter stare tutto il giorno all’aria aperta.

E a voi? La vostra casa non vi sembra più piccola del solito?

Tornare alla vita di tutti i giorni non è semplice

specialmente per i bambini.

La  soluzione è cercare di ripartire lentamente,

restando con la testa in vacanza

e introducendo qualche piccolo cambiamento nella vita quotidiana.

Questo libro, da leggere insieme ai vostri ragazzi,

 potrà essere utile allo scopo:

cop

in viaggio

Gaia De Pascale, Giorgia Previdoli

Feltrinelli Kids, 2013

+11 anni

Nella seconda parte le autrici danno preziosi consigli su come

conservare i ricordi raccolti durante il viaggio,

sistemare le foto,

costruire souvenir da regalare agli amici e

organizzare giochi con i compagni di viaggio

per rivivere le emozioni appena vissute.

Inoltre è simpatica la proposta di giocare a fare i turisti

nel posto in cui si vive,

guardando con occhi nuovi la città,

per spezzare la routine quotidiana e

 arrivare allenati alla prossima metà!

Quando sarete pronti per ripartire

mi trovate qui,

felice di poter condividere con voi le mie piccole scoperte!

Bentornati a casa! Tata Libro

P.s. dimenticavo di dirvi che Pepe ha tante sorprese in serbo per voi….

Picnic di lettura tra libri e lettori

Per questo picnic di lettura

(https://tatalibro.com/2013/06/07/picnic-di-lettura-per-mamma-e-papa/)

potremo avvalerci del “diritto di spizzicare“,

uno dei diritti imperscrittibili  del lettore,

stilati da Daniel Pennac,

che riconosce al lettore,

la libertà di leggere soltanto una parte di un testo.

Il libro che ho scelto è:

20130710-111157.jpg

I libri ti cambiano la vita.

Cento scrittori raccontano cento capolavori.

A cura di Romano Montroni

Longanesi, 2012

“Un libro fatto di libri”

lo definisce Romano Montroni,

e di lettori soprattutto,

senza i quali i libri non esisterebbero.

Un libro in cui la magia di un incontro,

quello tra il lettore e il libro,

diventa un esperienza indimenticabile,

da rivivere e ricostruire

anche con sensazioni fisiche e corporee.

Cento scrittori

“hanno accettato di condividere emozioni,

sensazioni e pensieri nati dalla lettura di un libro.

Un libro che magari a distanza di tanti anni,

ricordano ancora come decisivo.”

State già cercando di ricordare quando avete scoperto

il piacere della lettura e grazie a quale libro?

Non siete i soli.

Quando vi sarà tornato in mente

condividetelo con i vostri bambini,

sarà il modo più semplice per promuovere la lettura

e trovare una scusa per parlare di voi,

delle vostre passioni e dei vostri interessi,

insieme a loro.

Buona lettura Tata Libro

Cosa ha fatto lei per cambiare il mondo?

Questa è la scena iniziale del film Un sogno per domani,

liberamente tratto dal libro La formula del cuore di Catherine Ryan Hyde, Piemme, 2010.

Scusatemi per la qualità del video, non sono riuscita a trovarne uno migliore

ma ne condivido, volentieri con voi, i contenuti.

Buona domenica Tata Libro