Pepe scopre i “Libri coi buchi”

Pepe

“Tata ti giuro che questa volta non sono stato io!”

Abbaia Pepe, mettendosi sulla difensiva.

“A fare cosa birbante?”

“A fare il buco nel libro.”

Abbaia più forte, indicando:

Guarda c'è un buco

Guarda c’è un buco…

Antonella Abbatiello, Giovanna Mantegazza

La Coccinella, 1998

+ 3 anni

“E chi è stato?”

Domando io.

“Sicuramente il gatto Amleto...”

Abbaia saccente.

“Eppure mi sembra perplesso anche lui!”

Gli faccio notare.

foto (2)

“Ma non è un buco!

E’ casa mia!”

ribatte pronto il CANE Tobia.

“Chi ha parlato?”

Abbaia Pepe indietreggiando.

“Il libro…”

Lo rassicuro.

” A me comunque sembra proprio un buco.”

Abbaia Pepe infilandoci una zampa.

foto

“Ma non è un buco!

Che idea balzana!”

risponde il PICCHIO.

“E’ la mia tana!”

Esclama il libro sorprendendoci entrambi.

” E’ proprio un buco!”

Abbaia Pepe guardandoci dentro.

“Si che è un buco”

Spiega il VERMINO.

“Io ci sto comodo

e riempo il pancino!”

Il libro finalmente ci svela l’arcano,

nel libro c’è un buco

con la storia intorno.

Da Leggere, toccare ed esplorare!

“Te l’avevo detto che non ero stato io!”

Abbaia Pepe scodinzolando.

“Non avevo dubbi. Anche perché questo libro è indistruttibile!”

Lo accarezzo.

Se vi è piaciuto, ci sono tantissimi “nuovi libri coi buchi”

creati e pubblicati dall’editore La Coccinella.

Potete cliccare qui

http://www.coccinella.com/catalogo_files/catalogo2013.pdf

Buon divertimanto Tata Libro e Pepe.

Sulle orme di Sherlock Holmes

foto(1)

“Tata dov’è il mio impermeabile?”

Abbaia Pepe, il mio cagnolone, fiutando il terreno.

“Ma tu non hai un impermeabile!”

Gli rispondo stupita.

“Ah no? Questo è veramente un bel guaio!”

Esclama impettito, osservandomi con il suo sguardo acuto e penetrante.

“Ne avrò bisogno a Londra!”

Abbaia, mentre sembra fiutare qualcosa nell’armadio.

“Londra?”

Domando.

“Esatto!

L’anno prossimo ho intenzione di frequentare il collegio di Deepdene!

Abbaia deciso.

“La stessa scuola che ha frequentato Sherlock Holmes da giovane…”

Osservo sospettosa.

” Proprio quella!

Voglio imparare tutti i trucchi per diventare un infallibile investigatore.

I furfanti con me non avranno scampo!”

Abbaia, immaginando chissà quali avventure.

“Tu si che sai il fatto tuo!”

Dico ridendo sotto i baffi.

“Il mondo del crimine ha i giorni contati…

Ma prima di partire che ne dici se ne parliamo un po?

Magari leggendo qualcosa insieme?”

Propongo,

prendendo qualche libro sull’argomento,

dagli scaffali della libreria.

detective per gioco

Detective per gioco. Cerca gli indizi, risolvi il caso, diventa Sherlock Holmes!

Dan Waddell, Jim Smith

Editoriale scienza, 2012

+ 7 anni

Un libro interattivo, ricco di consigli e attività,

per diventare un bravissimo investigatore, proprio come Sherlock Holmes.

Il libro è corredato da un cuscinetto d’inchiostro per prendere le impronte digitali,

un periscopio da costruire, utile per pedinare i sospettati senza essere scoperti,

ed un poster con un caso da risolvere.

In Sherlock, Lupin e io

Sherlock Holmes, Lupin e Irene Adler,

personaggio femminile, quest’ultimo,

di un racconto di Sir Arthur Conan Doyle su Sherlock Holmes,

sono i protagonisti di una serie d’indagini mozzafiato,

costruite dall’abile penna di

Alessandro Gatti e

l’originale matita di Iacopo Bruno.

3430360

Sherlock, Lupin e io. Il trio della dama nera.

Alessandro Gatti

Piemme, 2011

+ 10 anni

3566200

Sherlock , Lupin e io. Ultimo atto al teatro dell’opera.

Alessandro Gatti

Piemme, 2012

+9 anni

3724042

Sherlock, Lupin e io. Il mistero della rosa scarlatta

Alessandro Gatti

Piemme, 2012

+ 10 anni

3896218

Sherlock, Lupin e io. La cattedrale della paura.

Alessandro Gatti

Piemme, 2013

+ 10 anni

Sull’adolescenza del giovane investigatore è incentrata,

invece la serie di Andrew Lane, composta da tre libri:

3579408

Young Sherlock Holmes. Nube mortale

Andrew Lane

De Agostini, 2012

+ 10 anni

3753379

Young Sherlock Holmes. Fuoco Ribelle

Andrew Lane

De Agostini, 2012

+ 10 anni

ghiaccio sporco

Young Sherlock Holmes. Gioco sporco

Andrew Lane

De Agostini, 2013

+ 10 anni

Già mentre frequenta il college,

il giovane Sherlock Holmes

si trova invischiato in avventure, rapimenti e sabotaggi.

Infine per i più grandicelli

ci sono due storie a tinte fosche:

l'occhio del corvo

L’occhio del Corvo. Il primo caso del giovane Sherlock Holmes

Shane Peacock

Feltrinelli, 2011

+ 12 anni

l'ultimo volo

L’ultimo Volo. Un caso del giovane Sherlock Holmes.

Shane Peacock

Feltrinelli, 2012

+ 12 anni

Tutto ha inizio una notte nella primavera del 1867,

a Londra,

quando in un vicolo viene uccisa una giovane donna.

Unico testimone del crimine:

un corvo.

Il giovane Sherlock Holmes

si appassiona al caso

talmente tanto

che la polizia

trovandolo troppe volte

sulla scena del crimine

lo considera tra i sospettati.

Solo osservando

il delitto con gli occhi del corvo,

che vi ha assistito,

riuscirà a risolvere il caso.

“Tata ma quanti crimini!

Ci vorrebbero mille investigatori

per risolverli tutti!”

Abbaia Pepe stringendosi a me.

“O un metodo infallibile,

quello inimitabile

del più grande investigatore di tutti i tempi:

Sherlock Holmes!”

“Credo che leggerò ancora qualcosa,

prima di partire…”

Abbaia Pepe.

E voi?

Buonanotte e buona lettura Tata Libro e Pepe.

Una casa per Coccodrillo e Giraffa

foto (5)

“Tata che caldo!

Che ne dici se domani ci facciamo un tuffo in piscina?”

Abbaia Pepe.

“Meglio di no…”

Rispondo.

“Perché?”

Domanda accaldato.

“Non vorrei disturbare i due innamorati.”

Gli dico mostrandogli un’ llustrazione

che ritrae Coccodrillo e Giraffa,

che banchettano romanticamente in piscina.

foto (4)

“Ma che ci fanno una Giraffa e un Coccodrillo in acqua?”

Domanda meravigliato Pepe.

“E’ una lunga storia…”

Rispondo.

“Dici sempre così…dai tira fuori il rospo!”

“Ok. Prendiamo il libro con la loro storia però.”

Dico aprendo un bellissimo albo illustrato.

888825467

Coccodrillo innamorato cerca casa,

Kulot Frish Daniela

Zoolibri, 2011

+ 2 anni

“Tutto è cominciato quando

il piccolo Coccodrillo e  la grande  Giraffa,

innamoratissimi,

decisero di andare a vivere

insieme.”

Inizio a raccontare.

foto (3)

“Non si erano mai posti il problema,

dei due metri e quarantatré d’altezza che li dividevano,

fino a quando,

 andando a vivere nella casa del piccolo Coccodrillo,

non poterono più,

sottovalutare il problema.

Infatti la casa era veramente troppo piccola per

l’altissima Giraffa!”

Esclamo.

foto

“Provarono, allora,

 a trasferirsi nella grandissima casa della Giraffa…”

Continuo a raccontare.

“Tata, però vai troppo veloce,

fammi guardare i disegni, sono troppo buffi!

Guarda che scarpe che ha Giraffa!”

Ridacchia Pepe, incantato dai disegni coloratissimi.

foto (1)

” Ok , ok.”

Dico andando più adagio.

“La casa della Giraffa era davvero troppo grande

per piccolo Coccodrillo,

disposto a tutto pur di stare con il suo  amore.

Ma quando

salire le altissime scale,

andare in bagno

o stendere panni

divenne troppo difficile…

allora…”

Sussurro voltando pagina.

“Allora?

Cosa è successo?

Povero Coccodrillo!”

Si preoccupa Pepe.

“Invece di abbattersi

trovarono un’ idea geniale…”

foto (2)

Costruire una piscina come casa….

Si diedero un gran da fare per realizzarla

e dopo aver lavorato tanto insieme,

che felicità poter

stare sempre alla stessa altezza,

condividere ogni momento,

 “guardarsi negli occhi e scambiarsi i sorrisi più belli.”

Concludo estasiata.

“Beati loro,

piacerebbe anche a me innamorarmi…

ma come si sono conosciuti?”

Mi domanda Pepe.

“Questa storia te la racconto un’altra volta,

 è ora di dormire.”

Lo accarezzo.

Ma se voi siete curiosi,

potete leggerla qui:

coccodrilli-innamorato

Coccodrillo innamorato

Kulot Frish Daniela

Zoolibri, 2011

+ 2 anni

Buonanotte Tata Libro e Pepe!

Pepe e il gatto killer

Pepe

“Tata…..tu pensi che Tuffy abbia veramente ucciso Tippete?”

Mi domanda Pepe un po  assonnato.

“Eh???”

Esclamo cercando di non cadere dalla sedia.

“Tuffy? Tippete?

Ma cosa stai blaterando?”

Domando curiosa.

“Ieri sera papà

ha iniziato a leggermi un nuovo libro:

confessioni di un gatto killer

Confessioni di un gatto killer.

Anne Fine

Sonda, 2013

+ 6 anni.

“Il diario che Tuffy ha scritto di suo pugno!”

Mi spiega Pepe.

“Di sua zampa vorrai dire.”

Lo prendo un po in giro.

“Uffa…il fatto è che lunedì ha ucciso un uccello,

mercoledì un topo

e poi anche Tippete!”

Abbaia Pepe.

“Ma chi è Tippete?”

Mi agito.

“Il coniglio dei vicini!”

Abbaia più forte.

“Ma è orribile!!

I gatti non uccidono i conigli!

Ma come  è venuto in mente,

a papà,

di leggerti questa storia?”

Sbraito pensando a tutti quegli animaletti

caduti nelle grinfie di un gatto killer!

“Ma è divertentissima!

Papà ha detto che,

con una storia così,

è impossibile addormentarsi!”

Scodinzola felice.

“Se non ti sei addormentato,

dovresti sapere se è stato

il dolce Tuffy

a far fuori il tenero Tippete!”

Scherzo un po.

“Ero troppo preso a coccolare Ellie!”

Abbaia triste.

“E ora chi è Ellie?”

Esclamo.

“La padroncina di Tuffy…è un po piagnucolosa,

ma è l’unica che lo capisce veramente.”

Abbaia.

“Ok, ok, stasera ce lo facciamo raccontare da papà!

Che ne dici!”

Lo accarezzo.

Sono proprio curiosa di sapere cosa è successo a Tippete

e quali altri guai ha combinato

Tuffy!

E voi?

“Papà !!! “

Abbaia Pepe felice

perché stasera ci avrà entrambi vicini!

Per una doppia dose di coccole e risate!

Buonanotte Tata Libro e Pepe.

Pepe e “Le Olimpiadi degli animali”

PEPE

 “Tata questo week end andiamo al mare?”

Abbaia Pepe.

“Se il tempo è bello perchè no!”

“Devo allenarmi per le Olimpiadi!”

Abbaia.

“Olimpiadi?”

Esclamo.

“Eh si gli animali del bosco e della palude

hanno organizzato i giochi olimpici!”

“Ah…”

Osservo pensando ad un libretto

che ho lasciato sul comodino.

le-olimpiadi-degli-animali

Le Olimpiadi degli animali

James Stevenson

Mondadori, 2012

+7 anni

“E in quale specialità vuoi dare il meglio di te?

Nella gara del buco più profondo?”.

Dico ridendo.

foto 5

“Non sono mica una talpa io!”

Abbaia offeso.

“Visto che non sei una lumaca

immagino che

anche la corsa a ostacoli,

è da escludere!”

foto

“Esattamente!”

 Risponde stizzito.

“E prima che tu faccia dell’ironia

non si tratta neanche della

Gara della puzzola più puzzolente! “

Abbaia serio.

foto 2

La traversata del fiume a stile libero!

Dovevo capirlo subito!

Vincerai senz’altro!”

Esclamo entusiasta.

” Non so,

Zaccaria si è allenato tanto…”

Abbaia pensieroso.

“Zaccaria?”

Domando.

“Una tartaruga…”

Abbaia.

“Figurati!”

Gli dico io.

“Non sarebbe giusto, ci tiene tanto.”

Risponde riflessivo.

“Comunque non importa se vincerò o meno.

L’importante è partecipare al picnic,

che ci sarà la sera,

al termine dei giochi.”

Abbaia leccandosi i baffi.

foto 3

Mentre io corro a sfogliare di nuovo il libro,

per gustarmi le vivacissime illustrazioni

che rendono queste olimpiadi

veramente indimenticabili!”

Buona notte Tata Libro e Pepe.

 

Mettiamo radici!

armadietto 196

“Tata non vedo l’ora di andare

a Roma!”

Abbaia Pepe.

“Eh si Roma è una città bellissima,

Ricca di monumenti,

statue, musei,,,”

Dico sospirando.

“Si, si,  i gloriosi fasti dell’impero romano….”

Dice non troppo convinto.

“Magari durante le nostre passeggiate culturali

potremo fare una piccola deviazione…”

Abbaia piano.

“Dove vorresti andare,

bricconcello?”

Domando sperando che non sia il Bioparco….

“Alla Valle dei Cani!!!”

Abbaia correndo.

“La valle dei Platani,

vorrai dire?”

Lo correggo.

“A Roma la chiamano così!”

Abbaia.

“Ok. Ma lo sai che bisogna camminare

molto per arrivarci?”

Gli domando, sapendo che è un pò pigro.

“Un chilometro?”

Abbaia.

“Esattamente!

Il percorso inizia dalla terrazza sul Pincio,

sopra trinità dei Monti e Piazza di spagna,

e attraversa Villa Borghese.”

Gli spiego.

“Tata è vero che lungo il percorso

c’è una sequoia?”

Domanda curioso.

sequoia_roma_pincio_fratus_2012_a

“Si è in mezzo all’arboreto che circonda la terrazza.”

“E c’è anche un cedro del Libano?”

Domanda ancora.

” Si! E’ sulla piazzetta di viale dell’Orologio.”

Gli rispondo entusiasta.

“La circonferenza del tronco è di 545 cm.”

Aggiungo.

” E poi ci sono anche lecci, pini, magnolie e cipressi.”

Gli dico sognando di camminare con lui lungo

il percorso alberato che conduce alla

Valle dei Cani.

LA-VALLE-DEI-CANI-A-VILLA-BORGHESE

“Tata…dobbiamo andarci presto…

prima che tutti questi alberi vengano tagliati

o si ammalino.”

Abbaia sconsolato Pepe.

“Eh si a Roma c’è un pò la tendenza a tagliare…”

Osservo.

“Ma soprattutto non si fa molto

per segnalare la presenza

di certi alberi monumentali.”

Dico dispiaciuta.

“Questo è un bel guaio!”

Abbaia Pepe.

“Perchè?”

Domando stupita.

“Perchè se i bambini

non li conoscono

non possono amarli

e prendersene cura!”

Aggiunge triste.

“Per fortuna io ho trovato,

sul tuo comodino,

questo libro:

manuale-del-perfetto-cercatore-d-alberi-libro-62541

Manuale del perfetto cercatore d’alberi.

Tiziano Fratus

Kowalski, 2013

“Ecco che si spiega tutto!”

Ma che ne dici se questo lo lasciamo leggere ai genitori

e ai bambini consigliamo dei libri più adatti?”

Gli dico nascondendo il libro!”

Di seguito un elenco di libri sugli alberi,

per conoscerli meglio,

imparare ad amarli

e sentirsi parte della natura,

insomma mettere radici!

“Tata però una volta che siamo a Roma

si fa un salto al Bioparco?”

Esclama Pepe correndo via.

alberi Burnie DavidAlberi. Dal seme alle foreste.

 David Burnie

De Agostini, 2010

+ 8 anni

inventario illustrato

Inventario illustrato degli alberi.

Emmanuelle Tchoukriel

L’ ippocampo, 2012

+ 6 anni

albero gribaudo

Com’è nato il signor Albero

Agostino Traini

Gribaudo,2012

+ 3 anni.

Lalbero babalibri

L’albero

Iela Mari

Babalibri, 2007

+ 4 anni

storia di un alberoStoria di un albero.

 Emilie Vast

Gallucci, 2012

+ 3 anni

albero salani

L’albero

 Shel Silverstein

Salani, 2000

+ 3 anni

lalberoeilbambino

L’albero e il bambino

Emanuela Nava

Piemme, 2009

+ 5 anni.

la-bambina-che-ascoltava-gli-alberi-

La bambina che ascoltava gli alberi

M. Loretta Giraldo, Cristina Pieropan

Edizioni Corsare, 2011

+ 4 anni

raccontare gli alberi

Raccontare gli alberi

Mauro Evangelista, Pia Valentinis

Rizzoli, 2012

+6 anni

Sentite già un senso di pace?

Allora che aspettate ad andare ad abbracciare un albero

insieme ai vostri bambini?

Per saperne di più potete consultare il sito www.homoradix.com

Buona serata Tata Libro e Pepe.

L’Uovo di Pasqua e il Dr. Seuss

Pepe

“Tata!”

Abbaia Pepe.

“Cos’ è questa idea che ti è saltata in mente

e che stai gridando ai quattro venti?”

Abbaia guardandomi sospettoso.

“La la la la…”

Canticchio guardandomi in giro con aria vaga.

“Quella di regalare ai bambini un libro per Pasqua!”

Incalza abbaiando più forte.

“Ah… l’hai sentito anche tu?”

Gli domando con fare distratto.

“Tata!

Se lo vengono a sapere i bambini sono guai!”

Abbaia agitato.

“Perchè? Ai bambini piacciono i libri!”

Dico seccata.

“Si è vero.

Ma a Pasqua preferiamo ricevere

un bell ‘uovo di cioccolato!”

Abbaia.

“Anch’io!

Infatti  consiglio solo di aggiungere

un libretto all’uovo!

Sciocchino!”

Dico per rassicurarlo.

cestino pasqua

“Sarà…”

Mugola poco convinto.

“E che libri avevi in mente?”

Insiste sospettoso.

“Avevo pensato a qualcosa di divertente.

A delle storie brevi,

scritte in rima,

con delle belle immagini!”

Gli rispondo.

“Tata tira fuori il rospo!”

Abbaia impaziente.

“Ok, ok…

avevo pensato ai

libri del Dr. Seuss…”

Dico con un filo di voce.

“Ma Tata potevi dirlo subito!

Io adoro il Dr. Seuss!

Le sue storie sono così divertenti e bizzarre.

Poche parole e immagini esileranti!

I suoi personaggi poi sono così stravaganti!”

Abbaia correndo  per tutta casa,

imitando un tal Nando ( detto Ferdi)

green_eggs_and_ham

“Cavolo Tata!

Questa volta hai avuto proprio una

Bellissima Idea!

Mi dice scappando via.

Il Dr. Seuss è uno degli autori più amati dai bambini americani.

Ha illustrato più di quaranta libri e nel 1984 ha vinto il premio pulitzer

per il suo contributo di quasi mezzo secolo

all’educazione e al divertimento

dei bambini americani e dei loro genitori.”

In Italia i suoi libri sono pubblicati dall’editore Giunti

http://www.giunti.it

Di seguito un elenco:

Il lorax

Il Lorax

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

uovo di ortone

L’uovo di Ortone

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

Ortone e i piccoli chi

Ortone e i piccoli Chi!

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

prosciutto e uovo verdi

Prosciutto e uova verdi

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

C'è un Mostrino nel taschino!

C’è un Mostrino nel Tascino!

Dr Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

Il Paese di Solla Sulla

Il paese di Soulla Sulla

Dr. Seuss

Giunti Junior,

+3 anni

Il gatto e il Cappello matto

Il gatto e il cappello matto

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

Il ritorno del Gatto col Cappello

Il ritorno del Gatto col Cappello

Dr. Seuss

Giunti Junior

+ 3 anni

In ognuna di queste storie,

il Dr. Seuss,

attraverso immagini e filastrocche,

apparentemente assurde,

c’insegna ad osservare la vita

da diversi punti di vista.

Ora devo proprio andare

a riacciuffare

quello sgangherato del mio cane.

Se è andato dove penso io,

sono proprio in un bel guaio….

seussville

Venite con me?

Il posto si chiama

Seussville!

http://www.seussville.com

Buon divertimento Tata Libro!

 

Origami con Pepe

foto[1]

“Tata questi giorni sei sempre così triste…”

Abbaia Pepe.

“Passerà..”

Dico.

“Ho bisogno del tuo aiuto!”

Esclama guardandomi.

“Vorrei fare un regalo a Tato!”

Abbaia.

“Lui è sempre così buono con me…

vorrei fargli un regalo speciale!”

Abbaia scodinzolando.

“Che ne dici se ti aiuto a scrivergli un bigliettino?”

Gli domando.

“E’ una buona idea,

però

avevo pensato a qualcosa più raffinato…”

Abbaia piano.

“Sarebbe?”

Domando sospettosa.

“Un origami!”

Esclama.

“Ma è difficilissimo,

modellare la carta

è un lavoro d’artista!”

Dico sconsolata.

“Si Tata,

lo so che ci vuole

pazienza, tecnica e precisione,

ma è pur sempre un divertimento!

E poi abbiamo questo.”

Abbaia mostrandomi un libro.

52672b-SZLBA7WB

Origami. Facili e divertenti

Demetra-Giunti, 2010.

“Ok, ok, ma non abbiamo l’occorrente.”

Affermo.

“Ma serve solo un foglio di carta.”

Abbaia Pepe.

“Si ma deve essere un foglio speciale:

sottile ma resistente

e il colore non deve screpolarsi

lungo le piegature.”

“Bla, bla bla bla.

A Tato piacerà

anche se non sarà proprio perfetto!”

Mi dice seccato.

“E poi magari ti torna il sorriso!”

Abbaia saccente.

“Cosa?”

Dico incredula.

1

“Akira Yoshisawa, il più grande maestro contemporaneo di Origami,

dice che

quando le mani sono occupate a fare qualcosa

il cuore è sereno.”

Insiste Pepe.

“Visto che sai tutte queste cose,

hai già in mente in cosa mi dovrei cimentare?

Domando ironica.

“Avevo pensato a una

Gru…”

5902513_orig

Dice con un filo di voce.

“Sai la Gru è

simbolo di buon augurio.”

Abbaia sereno.

“Bella,

ma se ti va

ho un libro adatto per te:

417mhvDIKHL__SL500_AA300_

Origami bestiali

Ono Mari, Ono Roshin

Il Castello, 2012

“Coccodrilli, gorilla, pinguini!

Fantastico!

E c’è anche la carta necessaria

per ogni modello.

Tata sei grande!

Ne farò uno anche per te.”

Abbaia felice Pepe.

Sapete muoio dalla voglia

di cimentarmi

e voi?

Buon divertimento

Tata Libro e Pepe l’origamista.