Pepe e lo YOGA PICCOLO, piccolo…

Pepe yoga

“Pepe ma cosa stai facendo?”

Esclamo incredula,

vedendolo assumere posizioni inconsuete.

“Mi rilasso facendo yoga.

Perché non provi anche tu?”

“Questa è bella!

Continua pure, io rischio di farmi male…”

Balbetto sbalordita.

“Tata è facile,

basta ispirarsi agli animali!

Guarda qua.”

Abbaia mostrandomi un libro:

foto

YOGA PICCOLO piccolo

Lorena V. Pajalunga, Anna Forlati

Edizioni Corsare, 2013

+ 4 anni

“Puoi guardare come fa Nino,

visto che a casa

prova le posizioni che impara a yoga,

insieme al suo gatto.”

Abbaia per convincermi.

“C’è la posizione della tigre, quella del leone

e molte altre.”

Abbaia felice .

“E tu quale preferisci?”

Gli chiedo curiosa.

“Semplice, quella del coccodrillo!”

Abbaia sdraiandosi a pancia in giù.

foto (1)

“Quasi, quasi ci provo anch’io,

sembra divertente.

Che ne dici se faccio il gatto?”

Domando a Pepe

che invece è scappato in fretta e furia…

Chissà cosa avrò mai detto?

Mentre vado a cercarlo,

segnatevi il titolo di questo libro delizioso!

Buonanotte e buona lettura a tutti!

Tata Libro e Pepe

Pepe e il gatto killer

Pepe

“Tata…..tu pensi che Tuffy abbia veramente ucciso Tippete?”

Mi domanda Pepe un po  assonnato.

“Eh???”

Esclamo cercando di non cadere dalla sedia.

“Tuffy? Tippete?

Ma cosa stai blaterando?”

Domando curiosa.

“Ieri sera papà

ha iniziato a leggermi un nuovo libro:

confessioni di un gatto killer

Confessioni di un gatto killer.

Anne Fine

Sonda, 2013

+ 6 anni.

“Il diario che Tuffy ha scritto di suo pugno!”

Mi spiega Pepe.

“Di sua zampa vorrai dire.”

Lo prendo un po in giro.

“Uffa…il fatto è che lunedì ha ucciso un uccello,

mercoledì un topo

e poi anche Tippete!”

Abbaia Pepe.

“Ma chi è Tippete?”

Mi agito.

“Il coniglio dei vicini!”

Abbaia più forte.

“Ma è orribile!!

I gatti non uccidono i conigli!

Ma come  è venuto in mente,

a papà,

di leggerti questa storia?”

Sbraito pensando a tutti quegli animaletti

caduti nelle grinfie di un gatto killer!

“Ma è divertentissima!

Papà ha detto che,

con una storia così,

è impossibile addormentarsi!”

Scodinzola felice.

“Se non ti sei addormentato,

dovresti sapere se è stato

il dolce Tuffy

a far fuori il tenero Tippete!”

Scherzo un po.

“Ero troppo preso a coccolare Ellie!”

Abbaia triste.

“E ora chi è Ellie?”

Esclamo.

“La padroncina di Tuffy…è un po piagnucolosa,

ma è l’unica che lo capisce veramente.”

Abbaia.

“Ok, ok, stasera ce lo facciamo raccontare da papà!

Che ne dici!”

Lo accarezzo.

Sono proprio curiosa di sapere cosa è successo a Tippete

e quali altri guai ha combinato

Tuffy!

E voi?

“Papà !!! “

Abbaia Pepe felice

perché stasera ci avrà entrambi vicini!

Per una doppia dose di coccole e risate!

Buonanotte Tata Libro e Pepe.

Week end a “Felicittà”!

Pepe

“Questo sarà un week end molto impegnativo.

Sei in forma?”

Chiedo a Pepe seduto sul divano.

“Veramente per questo week end avrei già preso degli impegni…”

Abbaia.

“Ah si?”

Esclamo meravigliata.

“Pensavo di andare a Felicittà.

9788804613916-caro-natale_carosello_opera_scale_width

Caro Natale

Richard Scarry

Mondadori, 2011

+ 3 anni

Sai, anche lì, sono in corso i preparativi per il Natale.

Ci sono i pompieri che appendono le illuminazioni per le strade…”

Abbaia.

“Ma chi Fumo, Freddo e Fastidio?”

Dico.

“Li conosci anche tu?”

Chiede.

“Certo, mi fanno troppo ridere

con quegli elmetti a forma di spazzola, tegame e colapasta.”

foto

Rido.

“Per fortuna che ci sono loro!

Donato Sbadato per aiutare Papà Gatto,

che l’ha invitato a pranzo,

ha bruciato il tacchino nel forno…”

Dice scodinzolando.

“Papà Gatto? Ma tu non hai paura dei…”

Provo a chiedere,

ma non mi fa finire la frase.

“Si ma non c’è bisogno che lo gridi ai quattro venti.

E poi Sandrino e la sua famiglia sono troppo simpatici!

Specialmente sua sorella Caterina.”

foto-1

Abbaia.

“Comunque ho promesso a Zigo-Zago di aiutarlo.”

Risponde deciso.

“Zigo-Zago?”

Domando incuriosita.

“E’ un verme e guida una mela delle nevi.”

Risponde seccato.

“E cosa dovreste fare tu e il tuo amico Zigo-Zago?”

Chiedo divertita.

“Dobbiamo andare al vivaio di Pollice Verde

a comprare l’albero di Natale

da addobbare

nella piazza di Felicittà.”

Risponde entusiasta.

“Oh no un altro abete verrà tagliato!”

Piagnucolo.

“No Tata stai tranquilla,

Pollice Verde ne pianterà subito un altro,

che diventerà più grande di quello!”

Mi da una leccatina.

“Poi dobbiamo andare a salvare il signor Alceste,

che è caduto nel lago ghiacciato..”

Continua.

“Brrr…”

Ho un brivido di freddo a pensarci.

“E poi dobbiamo aiutare Babbo Natale

che combina un guaio dopo l’altro.

Per fortuna che c’è Zigo-Zago.”

Scodinzola.

“Avrai proprio un bel da fare .”

Osservo.

“Non è finita qui,

dovrò andare anche in ospedale a trovare

Mamma Porcellini

che ha appena partorito un altro maialino.”

Dice.

“Immagino che sarà bello paffutello.”

Scherzo.

“E poi tutti insieme dobbiamo andare a far gli auguri a

zia Clementina,

che è tanto triste

perché passerà il Natale tutta sola!

Pensa che verrà anche il sergente Multa.”

Abbaia.

“Questa poi…

Magari vengo anch’io a Felicittà!”

Dico.

” Si però stai attenta perché potresti perderti per le strade della città.

Un disegno tira l’altro…”

Mi fa notare.

foto-2

” Ma tanto c’è Zigo-Zago no?”

Lo prendo un po in giro.

Comunque è meglio che vada con lui,

tanto per controllare che non combini qualche guaio

a Felicittà!”

Buon week end a tutti

Tata Libro e Pepe.