Pepe e l’ uomo di neve.

foto

“Era questa la sciarpa che mi avevi chiesto?”

Domando a Pepe.

“Grazie Tata,

quando avrò finito

di aiutare Babbo Natale,

andiamo sulla neve?”

Abbaia con un filo di voce.

“Sulla neve? Perché?

Gli domando incredula.

“Vorrei tanto giocare

con un Pupazzo di neve.”

Scodinzola.

“Non so…è che in montagna ora fa freddo….

preferirei restare al calduccio con te.”

Lo accarezzo per dissuaderlo.

“Ma quando fa caldo non ci sono i pupazzi di neve!”

Sbuffa.

“Questo è vero….il caldo li fa sciogliere in fretta.”

Gli dico.

“E non hanno paura?

Quando si sciolgono dove vanno a finire?”

Abbaia dispiaciuto.

foto-1

” Si trasformano in acqua

che ritorna nei fiumi e nei laghi.”

Dico.

“Oh…. pensa che paura

che devono avere,

a cambiare così….”

Abbaia con la coda tra le gambe.

“I cambiamenti fanno sempre un po paura.”

Lo rassicuro.

“Poi evaporano

e diventano una nuvola d’aria

fino a quando

si trasformano in pioggia

e poi di nuovo in neve.”

Gli racconto semplicemente

il ciclo dell’acqua.

“Chissà quante cose belle vedranno nei loro viaggi?

Il mare, il cielo….”

Esclama.

“Eh si….per scoprire il mondo

bisogna pur correre qualche rischio

e avere coraggio.”

Lo coccolo un po.

foto-2

“Ma tutti i Pupazzi di Neve

finiscono nei fiumi e nei mari?”

Domanda.

“Non proprio tutti,

qualcuno finisce nei libri,

guarda qui…”

Dico indicando un’uomo di neve

che appare nelle eleganti incisioni ad acquarello

di Cristina Pieropan

nell’avventura:

storia di un uomo di neve

Storia di un uomo di neve.

Maria Loretta Giraldo

Cristina Pieropan

Rizzoli, 2012

+ 7 anni.

“Quasi quasi, leggere una bella storia,

qui al calduccio,

insieme a te

potrebbe essere interessante…”

Abbaia Pepe.

Mi sembra una buona idea e voi che dite?

Magari gli racconto anche

di quel pupazzo di neve

che si innamorò di una stufa,

e ebbe per compagno di avventura

un saggio vecchio cane….

Hans Christian Andersen, L’uomo di neve.

Buona lettura Tata Libro e Pepe.

La poesia sei tu

Se fossi…

Se fossi una parola

sarei la poesia,

se fossi un emozione

sarei l’ allegria.

Se fossi un suono

sarei il cinguettio degli uccelli,

se fossi un colore

sarei l’azzurro del cielo.

Se fossi una luce

sarei il chiarore dell’alba,

se fossi un movimento

sarei il divenire delle onde del mare.

Se fossi un’ immagine

sarei una mattina di primavera,

se fossi una poesia

sarei una poesia d’amore.

Attraverso la poesia è possibile esprimere le proprie emozioni,

usando le parole come fossero sensazioni.

Attraverso la poesia è possibile condividere uno stato d’animo

e suscitare emozioni nei lettori.

Se volete saperne di più potete consultare

i libri di Donatella Bisutti,

poetessa e scrittrice

che ha rinnovato il modo di relazionarsi con la poesia.

La poesia è un orecchio

Donatella Bisutti, Allegra Agliardi

Feltrinelli Kids, 2012

+ 11 anni

Le parole magiche

Donatella Bisutti,

Feltrinelli Kids, 2008

+ 7 anni

L’albero delle parole.

Grandi poeti di tutto il mondo per i bambini.

Donatella Bisutti

Feltrinelli kids, 2002

+ 11 anni

E per i più grandi:

La poesia salva la vita.

Capire noi stessi e il mondo attraverso le parole.

Donatella Bisutti

Feltrinelli, 2009.

Vi saluto con un monologo di Roberto Benigni,

sulla poesia, nel film ” La tigre e la neve”.

Travolgente.

Aspetto di leggere le vostre poesie!

Tata Libro

Dillo con un libro

Questa mattina

mentre guidavo

per andare al lavoro,

ero immersa in mille pensieri

e problemi da risolvere.

All’improvviso,

sbadatamente,

ho guardato il cielo

E con grande sorpresa,

mi sono ritrovata a sorridere

osservando tre allegri uccellini ,

danzare nell’azzurro, sconfinato,

davanti a me.

“Un dettaglio”

così

“Minuscolo,

che però è riuscito

a rendere unico

e speciale

un  giorno,

che poteva essere

un giorno qualunque.

Guardarli

librarsi in cielo

spensierati,

mi ha fatto

sentire leggera.

In pace

e

in armonia

con tutta la bellezza

del mondo.

Per un attimo

i miei pensieri

si sono dileguati

e anch’io

 sono volata via.

Gli uccelli

“solo un dettaglio Minuscolo”

ma per me

e molte altre persone,

“Un vero tesoro”.

Ringrazio

gli autori del seguente libro

che mi hanno

prestato

le immagini,

i colori,

le parole

per condividere

poeticamente,

questa emozione,

 con tutti i bambini.

Gli uccelli.

Germano Zullo, Albertine

Topipittori

2010

+8 anni.

Buonanotte Tata Libro.