Campeggio mon amour…

camping

Avete deciso di passare le vacanze in campeggio?

I vostri figli sono elettrizzati ma manca ancora qualche settimana alla partenza?

Vi suggerisco qualche libro per creare l’atmosfera,  ingannare l’attesa

e ritrovarli al ritorno per prolungare le vacanze.

Pina va al campeggio

Pina va in campeggio

Lucy Cousins

Mondadori, 2013

+ 3 anni

Cosa c’è di più divertente che piantare una tenda

per poi dormire all’aperto sotto un cielo stellato!

Con questo libretto, i più piccoli, lo scopriranno con Pina.

Stilton campeggio alle cascate di Niagara

In campeggio alle cascate del Niagara

Geronimo Stilton

Piemme, 2005

+ 7 anni

Una gita scolastica alle cascate del Niagara,

accompagnati da Geronimo Stilton

che dovrà imparare a montare una tenda,

preparare la cena e vivere molte altre avventure.

Ricco di consigli e suggerimenti.

nuova

Vacanze in campeggio

Pietro Belfiore

Piemme, 2007

+ 9 anni

In questa storia Pietro  deve affrontare una prova estenuante:

passare le vacanze in tenda con tutta la sua famiglia!

campeggio delle streghe

Il campeggio delle streghe

Francesca Ruggiu Traversi

Einaudi Ragazzi, 2013

+ 8 anni

Al Campeggio delle Streghe si possono udire raggelanti ululati notturni

e vedere apparizioni mostruose inspiegabili.

Niente paura, Nico e Gaia hanno deciso di indagare,

su questi strani fenomeni, con l’aiuto di Silver, il loro gatto.

elly-penny-disavventure-al-campeggio_big

Elly Penny

Ruth Mcnally Barshaw

Il Castoro, 2012

+ 7 anni

Elly Penny dovrà passare una settimana,

con gli zii e i suoi antipaticissimi cugini,

in campeggio.

La sua unica via d scampo è annotare tutto

in un diario ricco di disegni.

Un idea bellissima!

Alla fine della storia ci sono tantissimi consigli

 per compilare un diario illustrato.

Peccato però che un giorno la zia lo trovi e se lo legga tutto!

E se invece vostro figlio,

pensa di essere troppo imbranato per l’avventura,

cambierà idea leggendo:

download

Martin Frolly. Esploratore pasticcione

Clive Goddard

Il Castoro, 2013

+ 10 anni

Martin Frolly è un bambino ricco e imbranato,

con un maggiordomo personale per controllarlo.

Il padre è un ricco industriale di dolci che ha molti dubbi

sul mollargli le redini dell’azienda.

Un giorno, però, grazie al giornalino Giovane Esploratore,

Martin scopre l’esistenza della Ciccioprugna del Brasile,

il frutto più buono e dolce del mondo.

Disastro dopo disastro, risata dopo risata,

nel cuore della foresta amzzonica,

si svolge l’avventura di Martin.

E’ già ora di partire?

Vi auguro buon divertimento!

E per chi resta buona lettura!

Tata Libro

Manuali per giovani esploratori

image

Vostro figlio vi ha convinto a trascorrere un po di tempo a contatto con la natura,

lontano dalle comodità della città?

Niente paura!

Con questi manuali, ricchi di consigli e suggerimenti,  potrete cavarvela alla grande.

O se preferite, potrete prender tempo,

mentre loro si divertono a leggerli!

image

Il Manuale delle giovani marmotte

The Walt Disney Company Italia, 2010

+ 6 anni

Una guida per orientarsi, costruire un riparo, procurarsi acqua e cibo,

fare un bivacco, costruire gli attrezzi,

e tanti altri consigli per far fronte agli imprevisti e alle emergenze.

image

Manuale di sopravvivenza per giovani esploratori

Vallardi, 2011

+ 8 anni

Un manuale ricco di fotografie e disegni dettagliati

per apprendere tutte le tecniche indispensabili

per muoversi con sicurezza,

nella natura incontaminata.

image

Boy’s book per ragazzi in gamba.

Tutto quello che dovresti sapere per vivere l’avventura.

Michèle Lecreux

Giunti, 2013

+ 8 anni

Il mio preferito!

Agile e divertente.

Le illustrazioni spiegano passo a passo

i trucchi per fare i nodi, per seguire le orme, per leggere il cielo

e tante altre attività.

image

Living Wild.

Il manuale definitivo di sopravvivenza.

Bear Grylls

Mondadori, 2012

Per i più grandi.

Bear Grylls è capace di risvegliare

lo spirito d’avventura che c’è in ognuno di noi.

Non ci credete?

Leggete questo libro.

Capitolo dopo capitolo,

imparerete tutti i

“trucchi del mestiere”.

A tutti quelli che partono,

buon divertimento,

a chi preferisce viaggiare con la mente,

buona lettura!

Tata Libro

Pepe e l’ uomo di neve.

foto

“Era questa la sciarpa che mi avevi chiesto?”

Domando a Pepe.

“Grazie Tata,

quando avrò finito

di aiutare Babbo Natale,

andiamo sulla neve?”

Abbaia con un filo di voce.

“Sulla neve? Perché?

Gli domando incredula.

“Vorrei tanto giocare

con un Pupazzo di neve.”

Scodinzola.

“Non so…è che in montagna ora fa freddo….

preferirei restare al calduccio con te.”

Lo accarezzo per dissuaderlo.

“Ma quando fa caldo non ci sono i pupazzi di neve!”

Sbuffa.

“Questo è vero….il caldo li fa sciogliere in fretta.”

Gli dico.

“E non hanno paura?

Quando si sciolgono dove vanno a finire?”

Abbaia dispiaciuto.

foto-1

” Si trasformano in acqua

che ritorna nei fiumi e nei laghi.”

Dico.

“Oh…. pensa che paura

che devono avere,

a cambiare così….”

Abbaia con la coda tra le gambe.

“I cambiamenti fanno sempre un po paura.”

Lo rassicuro.

“Poi evaporano

e diventano una nuvola d’aria

fino a quando

si trasformano in pioggia

e poi di nuovo in neve.”

Gli racconto semplicemente

il ciclo dell’acqua.

“Chissà quante cose belle vedranno nei loro viaggi?

Il mare, il cielo….”

Esclama.

“Eh si….per scoprire il mondo

bisogna pur correre qualche rischio

e avere coraggio.”

Lo coccolo un po.

foto-2

“Ma tutti i Pupazzi di Neve

finiscono nei fiumi e nei mari?”

Domanda.

“Non proprio tutti,

qualcuno finisce nei libri,

guarda qui…”

Dico indicando un’uomo di neve

che appare nelle eleganti incisioni ad acquarello

di Cristina Pieropan

nell’avventura:

storia di un uomo di neve

Storia di un uomo di neve.

Maria Loretta Giraldo

Cristina Pieropan

Rizzoli, 2012

+ 7 anni.

“Quasi quasi, leggere una bella storia,

qui al calduccio,

insieme a te

potrebbe essere interessante…”

Abbaia Pepe.

Mi sembra una buona idea e voi che dite?

Magari gli racconto anche

di quel pupazzo di neve

che si innamorò di una stufa,

e ebbe per compagno di avventura

un saggio vecchio cane….

Hans Christian Andersen, L’uomo di neve.

Buona lettura Tata Libro e Pepe.

Che avventura per Pepe e “Bastoncino”!

Questa mattina

mentre passeggiavo nel parco

con il mio cagnolone,

è successa una cosa incredibile.

Dopo aver annusato,

un po’ qua un po’ la,

Pepe,

ha raccolto un bastoncino,

per giocare con me.

Chi  poteva sospettare però

che quello,

non era un qualsiasi pezzo di legno,

ma era proprio

“Bastoncino”?

Bastoncino

Julia Donaldson, Axel Scheffler

Emme edizione

2012, + 3 anni

Immaginate la faccia di Pepe,

quando

“Bastoncino”

si ė messo a parlare!

Subito

lo ha lanciato in aria

e il piccolo

“Bastoncino”

ė fuggito a gambe levate.

Io e Pepe

sorpresi e incuriositi

lo abbiamo seguito

per vedere cos’altro avrebbe combinato.

Povero “Bastoncino”…..

Prima,

è finito nelle mani

di un gruppo di bambini,

che lo hanno gettato nel fiume,

per giocarci

come fosse un veliero.

Poi nel nido

di un bellissimo cigno bianco,

fino a quando non si è staccato

ed è finito di nuovo in acqua.

Le correnti lo hanno trasportato

sulle rive di una spiaggia,

dove è stato issato,

come un vessillo,

su un bel castello di sabbia.

Il viaggio di

“Bastoncino”

sembrava non finire mai….

Eravamo increduli.

Ma poi è arrivato l’inverno,

e sulla candida neve

“Bastoncino”

 si è addormentato.

Quando finalmente,

stavamo per tirare un respiro di sollievo,

“Bastoncino”

è stato raccolto di nuovo,

per accendere un bel fuoco nel camino,

la notte di Natale.

“Non dovevo lasciarlo andare….”

ha piagnucolato Pepe,

mentre io pensavo a come salvarlo.

All’improvviso è accaduto

un vero miracolo

che ci ha lasciato a bocca aperta.

Dalla cappa del camino,

tutto vestito di rosso,

è apparso,

proprio lui,

Babbo Natale,

che ha salvato

“Bastoncino”

e lo ha riportato a casa,

sano e salvo,

dalla sua famiglia.

“Tutto bene quel che finisce bene!”

Ha esclamato,

tutto contento, il povero Pepe,

ancora eccitato

per l’avventura appena vissuta.

Che sollievo per

“Bastoncino”…

Buona lettura Tata Libro, Pepe e “Bastoncino”…..