Capodanno a Boscodirovo

bramblyfall3

Che ne dite di iniziare l’anno

con una bella passeggiata all’aria aperta

a contatto con la natura?

Se mi seguite attraverso il bosco,

tra i campi,

sull’altra riva del ruscello,

nelle radici e nei tronchi degli alberi

abitano intere famiglie di topolini.

bh2

I topolini di Boscodirovo

vivono in maniera completamente naturale,

apprezzano e valorizzano

con amore

ogni cosa che cresce intorno a loro.

Durante la bella stagione

raccolgono frutti, fiori e bacche

per preparare

deliziose marmellate e confetture,

che conservano con cura

durante l’inverno.

I topolini,

proprio come noi,

sono sempre molto indaffarati

ma trovano sempre il tempo per divertirsi.

Al susseguirsi delle stagioni

si avvicendano le ricorrenze:

un compleanno,

un matrimonio,

il primo giorno di primavera…

Ogni occasione è buona

per riunirsi e festeggiare tutti insieme,

come per esempio

il tradizionale Ballo della Neve

che si tiene

“Quando la neve cade lenta lenta

a poco a poco tutto si addormenta,

quando si gela all’usignolo il canto

e stende l’inverno il suo freddo manto,

al Ballo della Neve dalla sera al mattino

danza e si diverte l’allegro topolino”.

Che ne dite

 di partecipare  alle loro feste

leggendo queste incantevoli storie

e ammirando le illustrazioni,

così romantiche e ricche di dettagli?

Sarà una passeggiata piacevole

attraverso le stagioni,

un esempio meraviglioso

per il nuovo anno!

b

Un anno a Boscodirovo.

Quattro storie attraverso le stagioni.

Jill Barklem

Edizioni El, 2012

+ 3 anni.

Buon anno e buona lettura Tata Libro

Pepe e “le puzze dell’elefante”.

18

“Proooooot!”

“Accidenti, che puzza!

Chi l’avrà fatta?”

 Pepe?”

Blatero tappandomi il naso.

“Non sono stato io,

è stato il piccolo elefante!”

Abbaia Pepe.

“Chi?”

Dico esterrefatta.

“Guarda qui.”

Dice aprendo un libricino.

1389489

Le puzze dell’elefante.

Pittau, Gervais

Il castoro

2001

+ 3 anni

“Lo vedi questo elefante?

E’ piccolo

ma fa delle

rumorose e puzzolenti.

Ahahahaha…”

Ride sotto i baffi.

“Si ma io la puzza l’ho sentita veramente.”

Affermo.

” Sarà solo la tua fervida

immaginazione…”

Abbaia furbo.

” Certo che leggendo

questa storia

la puzza aumenta!”

Dico guardando

“il piccolo elefante”.

foto

“Ahahahaha….

pensa che quando va in piscina

fa diventare l’acqua bollente

con le sue

….”

Ridacchia.

I suoi amici animali

lo hanno spedito nella foresta

perché la notte non riuscivano a dormire

per la gran puzza.”

Afferma.

“Povero.

All’aria aperta

non dava fastidio a nessuno.”

Dico.

” A parte stendere un leone inferocito…”

Abbaia.

“E poi l’hanno lasciato lì?”

“Chi il leone?” Abbaia.

“No l’elefante,

sciocco!.”

Gli do un buffetto.

“No mancava a tutti

e così sono andati a richiamarlo.”

Abbaia eccitato.

” E il piccolo elefante

ha smesso di fare

le ….?”

Domando curiosa.

” No,

uno non può decidere di smettere,

quando vengono vengono,

però può usarle

per fare qualcosa di buono!”

” Di buono?”

Chiedo incredula.

Si come gonfiare i palloncini!”

Abbaia.

foto-1

” Ahahaha questa poi!”

Rido anch’io.

“Speriamo che non scoppino! Ahahaha”

Ridiamo insieme.

A volte leggere

è proprio divertente…e puzzolente!

Buonanotte Tata Libro, Pepe e l’elefantino….

Prooooooot……