…e noi lo rifaremo marcondirondirondello…

Come molti di voi sapranno,

il 31 dicembre,

la libreria dove lavoravo ha chiuso.

Fortunatamente

io andrò a lavorare in un altro punto vendita,

come tutti i miei colleghi.

E’ stata dura togliere tutti i libri dagli scaffali

per restituirli al mittente,

sia fisicamente che psicologicamente.

Una libreria senza libri è molto triste.

Questo era il settore bambini

prima del disallestimento:

libreria 2

e questo dopo:

1554540_635837109810123_1031065481_n

Mentre lavoravo per svuotare il negozio,

mi ha aiutato una canzoncina imparata da bambina,

che chissà quante volte avete canticchiato.

E’ incredibile come una filastrocca,

imparata per gioco,

possa diventare da grandi

il più efficace mantra!

E allora eccola qua:

Pepe e lo YOGA PICCOLO, piccolo…

Pepe yoga

“Pepe ma cosa stai facendo?”

Esclamo incredula,

vedendolo assumere posizioni inconsuete.

“Mi rilasso facendo yoga.

Perché non provi anche tu?”

“Questa è bella!

Continua pure, io rischio di farmi male…”

Balbetto sbalordita.

“Tata è facile,

basta ispirarsi agli animali!

Guarda qua.”

Abbaia mostrandomi un libro:

foto

YOGA PICCOLO piccolo

Lorena V. Pajalunga, Anna Forlati

Edizioni Corsare, 2013

+ 4 anni

“Puoi guardare come fa Nino,

visto che a casa

prova le posizioni che impara a yoga,

insieme al suo gatto.”

Abbaia per convincermi.

“C’è la posizione della tigre, quella del leone

e molte altre.”

Abbaia felice .

“E tu quale preferisci?”

Gli chiedo curiosa.

“Semplice, quella del coccodrillo!”

Abbaia sdraiandosi a pancia in giù.

foto (1)

“Quasi, quasi ci provo anch’io,

sembra divertente.

Che ne dici se faccio il gatto?”

Domando a Pepe

che invece è scappato in fretta e furia…

Chissà cosa avrò mai detto?

Mentre vado a cercarlo,

segnatevi il titolo di questo libro delizioso!

Buonanotte e buona lettura a tutti!

Tata Libro e Pepe

Una storia per rompere il ghiaccio

red muffler

“Tata cosa stai facendo?”

Abbaia Pepe incuriosito.

Una calda Sciarpa Rossa.

“Mmm… per chi?”

Domanda serio.

“Ancora non lo so ma qualcuno potrebbe averne bisogno.”

Rispondo continuando a  fare la maglia.

“Bisogna tenere gli occhi aperti…

potremmo non vedere o peggio non capire,

specialmente se si tratta di un pinguino!”

Esclamo.

“Pinguini? Sciarpe?

Ma Tata siamo in Sicilia!”

Abbaia Pepe perplesso.

“Ora ti spiego…”

Gli dico mostrandogli un libro:

una-calda-sciarpa-rossa

Una calda Sciarpa Rossa.

Sen Woo

Sironi Ragazzi, 2013

+ 5 anni

“E’ la storia di un piccolo pinguino

che ha un sogno:

salvare dal gelo delle uova di pinguini abbandonate.”

Esclamo pensando a Teo.

“Da solo?”

Abbaia Pepe ascoltando attento.

“Si, fino a quando Fausto, il cuoco della base Antartide,

non si accorge di lui e…non solo decide di aiutarlo

ma si rende conto per la prima volta,

insieme ai suoi amici,

di un tesoro da custodire e salvare:

il Polo Sud con tutti i suoi abitanti!”

Racconto entusiasta.

foto-1

“Perchè le uova sono state abbandonate?

Sono riusciti a salvarle?”

Abbaia Pepe preoccupato.

“E’ una lunga storia che ti racconterò…

ma l’importante è che tu sappia

che qualche volta

per compiere un miracolo

basta avere un sogno,

condividerlo

e prendersene cura,

con tanta pazienza

e una calda Sciarpa Rossa!

Se volete sapere qualcosa di più su questa piccola storia di speranza

che ne dite di guardare il filmato del “making of ” del libro,

un bellissimo esempio di creatività e collaborazione

e poi, ovviamente, di leggere il libro insieme ai vostri bambini.

Buon anno a tutti! Tata Libro e Pepe

Che fine ha fatto Tata Libro?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ passato un mese dall’ultimo articolo,

un mese denso di lavoro:

come ogni anno, le attività, in libreria,

durante il periodo natalizio,

si fanno man mano più frenetiche e il tempo non basta mai.

Arrivano moltissimi libri,

alcuni così belli,

che è quasi impossibile

trattenersi dal saltare e gridare per la gioia.

Però mentre lavoro,

mentre sistemo i libri,

mentre aiuto i clienti,

non smetto mai di desiderare

di condividere tutto questo

con un pubblico più ampio

e di tornare a casa e mettermi a scrivere.

Per questo motivo ho ceduto a un compromesso,

aggiornare quotidianamente la  pagina di Tata Libro su facebook

www.facebook.com/pages/Tata-Libro/463803350346834

e su twitter

https://twitter.com/alessandrastar2

fornendo informazioni e risposte veloci

a tutti quelli che ne hanno bisogno

o che vogliano, solamente, condividere le proprie emozioni,

in questo particolare momento dell’anno.

A presto Tata Libro

Sarà difficile…

Questa sera vorrei dedicare a tutte le mamme e i papà

questa dolcissima canzone, cantata da Elisa e scritta da Ligabue.

Vorrei dedicarla a tutti quei genitori che incontro ogni giorno in libreria

e a tutti voi che passate di qui

che nel vostro piccolo cercate di fare qualcosa di grande!

Un abbraccio a tutti Tata Libro

Sarà difficile
Diventar grande
Prima che lo diventi anche tu
Tu che farai tutte quelle domande
E io fingerò di saperne di più
Sarà difficile
Ma sarà come deve essere
Metterò via i giochi
Proverò a crescere
Sarà difficile
Chiederti scusa
Per un mondo che è quel che è
Io nel mio piccolo
Tento qualcosa
Ma cambiarlo è difficile
Sarà difficile
Dire tanti auguri a te
A ogni compleanno
Vai un po’ più via da me
A modo tuo
Andrai a modo tuo
Camminerai e cadrai, ti alzerai sempre a modo tuo
A modo tuo
Vedrai a modo tuo
Dondolerai, salterai, cambierai
Sempre a modo tuo
Sarà difficile vederti da dietro
Sulla strada che imboccherai
Tutti i semafori
Tutti i divieti
E le code che eviterai
Sarà difficile
Mentre piano ti allontanerai
A cercar da sola quella che sarai
A modo tuo
Andrai a modo tuo
Camminerai e cadrai, ti alzerai
Sempre a modo tuo
A modo tuo
Vedrai a modo tuo
Dondolerai, salterai, cambierai
Sempre a modo tuo
Sarà difficile
Lasciarti al mondo
E tenere un pezzetto per me
E nel bel mezzo del tuo girotondo
Non poterti proteggere
Sarà difficile
Ma sarà fin troppo semplice
Mentre tu ti giri
E continui a ridere
A modo tuo
Andrai a modo tuo
Camminerai e cadrai, ti alzerai
Sempre a modo tuo
A modo tuo
Vedrai a modo tuo
Dondolerai, salterai, cambierai
Sempre a modo tuo…

Aspettando Halloween….

20131010-081934.jpg

In attesa della notte più paurosa dell’anno che ne dite di preparare l’atmosfera?

Potete usare il momento della Buonanotte

e sostituire le tradizionali fiabe con qualcosa di più eccitante,

come per esempio:

storie di streghe, lupi e dragolupi

Storie di streghe, lupi e dragolupi

adattamento di Antonella Ossorio

Einaudi Ragazzi, 2011

+5 anni

Questi racconti brulicano di streghe, mostri, draghi e orchi

conservando  l’atmosfera incantata delle fiabe.

Se nonostante questo,

qualche strega minaccia di turbare il sonno del vostro bambino,

potete recitare tutti insieme la formula anti-strega

come nella fiaba scritta da Evelyne Reberg,

Che noioso quel Coco!”:

ZIBIDI’ FRULLON MULA’

BRUTTA STREGA VIA DI QUA’!

STAI LONTANA, STAI TRANQUILLA

O TI MUTO IN UN’ANGUILLA!”

Con Melania, la protagonista della storia ha funzionato!

20131010-230009.jpg

Vi siete incantati a guardare le illustrazioni di Tony Ross

che arricchiscono la storia?

Non posso che capirvi sono così suggestive!

Buona lettura Tata libro

Pepe e l’alfabeto dei mostri!

IMG_5935

A come ABOMINEVOLE UOMO DELLE NEVI

B come BABAU

C come CERBERO

D come DRAGO…”

Recita Pepe,

con la coda tra le gambe.

“E come ELEFANTE!”

Intervengo io.

“Ma no E come EXTRATERRESTRI!

Questo non è un alfabeto qualsiasi,

è “L’ALFABETO DEI MOSTRI!”

Abbaia forte.

“Ah! Divertente…”

Esclamo.

“Pauroso vorrai dire?”

Mugola con le orecchie basse.

l'afabeto dei mostri

L’alfabeto dei mostri

Febe Sillani

Emme edizionii, 2013

+ 6 anni

“Ma devo farmi coraggio se voglio diventare un agente ANTIMOSTRI!”

Abbaia valoroso.

ANTIMOSTRI??? 

Ma se hai paura perfino dei gatti!”

Esclamo.

“Solo perché non li conosco bene…

come i mostri…

è per questo che sto imparando l’ ABC

per sapere tutto di loro e sconfiggerli!”

Abbaia coraggioso.

“Mi sembra un ottima idea.

Se ti va, quando hai finito,

che ne dici di disegnare con me qualche mostro

tanto per divertirci un po?”

Gli propongo.

“Mmhhhh…. è che mi trema la zampa……”

Abbaia sottovoce.

“Non preoccuparti queste schede

sono cancellabili e riscrivibili a non finire!”

Gli dico mostrandogli un kit contenente 50 schede

con simpatici mostriciattoli da disegnare:

mostri da disegnare

Mostri da disegnare

Fiona Watt, Figg Non

Usborne, 2010

+ 4 anni

“Ok , ok però adesso devo studiare…”

Sbuffa Pepe.

“Ah si per l’ ACCADEMIA ANTIMOSTRI…”

Sorrido pensando

che ve ne parlerò molto presto.

Buona giornata Tata Libro e Pepe

Il primo giorno di scuola è una poesia

labrador

Il primo giorno di scuola

Suona la campanella

scopa scopa la bidella,

viene il bidello ad aprire il portone,

viene il maestro dalla stazione

viene la mamma, o scolaretto,

 a tirarti giù dal letto…

Viene il sole nella stanza:

su, è finita la vacanza.

Metti la penna nell’astuccio,

l’assorbente nel quadernuccio,

fa la punta alla matita

e corri a scrivere la tua vita.

Scrivi bene, senza fretta

ogni giorno una paginetta.

Scrivi parole diritte e chiare:

Amore, lottare, lavorare.

Gianni Rodari

Pronti per la scuola?

Preschool

Se avete convinto i vostri bambini

che andare all’asilo è bello

questo non vuol dire che sarà

FACILE

tirarli fuori dal letto la mattina

e arrivare in tempo a scuola

con il SORRISO sulla bocca.

Niente timore Camilla Millecuori

conosce un GIOCO straordinario

e questo LIBRO lo spiega a tutti.

pronta per la scuola

Pronta per la scuola!

Gursel Zeynep, Ursula Bucher

Lapis, 2006

+ 4 anni.

Ogni mattina Camilla chiede alla mamma che tempo fa:

se c’è il sole si trasforma in un’avventuriera del deserto

se c’è la neve in una pattinatrice di ghiaccio finlandese

se c’è vento diventa “campionessa malese di aquiloni”.

Vi lascio scoprire in cosa altro si può trasformare

questa BAMBINA,

usando la sua fervida IMMAGINAZIONE

che tanti bambini usano

invece

per non andare a scuola!

Buona Lettura Tata Libro

W la scuola di Leo lupo!

Pepe nel bosco

“Pepe cosa stai aspettando?”

Chiedo al mio cagnolone.

“Aspetto che arrivi la scuola ambulante di Leo lupo!”

Abbaia emozionato.

“La scuola ambulante? Leo lupo?

Ma cosa stai farfugliando?”

Gli domando curiosa.

“Guarda qui!”

Abbaia mostrandomi una coloratissima illustrazione:

foto (4)

“Ora capisco! Una storia di Giulio coniglio!”

alla scuola di leo lupo

Giulio coniglio alla scuola di Leo Lupo. Con Dvd

Nicoletta Costa

Panini, 2012

+ 4 anni

“Vuoi che te la legga?”

Gli domando.

“Magari stasera,

ora ho altro da fare.”

Abbaia eccitato.

“Per esempio?”

Domando sbalordita.

“Voglio imparare a scrivere il mio nome!”

Abbaia.

“Ahhhh”

Rido.

“Se lo sa fare Giulio coniglio posso farlo anch’io!”

Abbaia serio.

“Ma certo!”

Rispondo seria.

“Però mi raccomando non finirti tutte le frittelle

di Dorothiy!”

Ridacchio sotto i baffi.

“Tata ma di cosa stai parlando?”

foto (6)

“Delle frittelle che l’assistente di Leo lupo

è solita preparare per fare merenda!

Non dirmi che con il tuo fiuto non avevi annusato nulla?”

Cerco di accarezzarlo ma è già scappato via.

“Dove scappi non volevi imparare a scrivere il tuo nome?”

Grido.

“C’è ancora tempo per la scuola!

Magari stasera mi leggi la storia.”

Abbaia da lontano.

Che birbante.

Buona lettura Tata Libro