“Ritratto della mia bambina”

Simile a cose “leggere e vaganti”,

belle e ideali,

l’infanzia descritta da Umberto Saba

in questa bellissima poesia

che vi dono prima di andare a riposare:

“Ritratto della mia bambina”

La mia bambina con la palla in mano,
con gli occhi grandi color del cielo
e dell’estiva vesticciola: “babbo”
mi disse “voglio uscire oggi con te”
ed io pensavo, di tante parvenze
che s’ammirano al mondo, io ben so a quali
posso la mia bambina assomigliare.
Certo alla schiuma marina, alla marina schiuma
che sull’onde biancheggia a quella scia
ch’esce azzurra dai tetti e il vento sperde;
anche alle nubi, insensibili nubi
che si fanno e disfanno nel chiaro cielo;
e da altre cose leggere e vaganti.

Umberto Saba, Cose leggere e vaganti, Mondadori

2 pensieri su ““Ritratto della mia bambina”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...